Il ricordo di Silvio Saura di Barbara Rose: quella signora eccentrica dall’accento strano

A un mese dalla scomparsa, il ricordo di Silvio Saura di Barbara Rose. Storica, critica, docente all’American University, corrispondente di Art Forum e per lunghi anni di ARTEiN, la rivista diretta dal nostro direttore fino a settembre 2020

Il primo incontro a Forte dei Marmi. Le frequentazioni a New York, Madrid e Venezia

Conobbi Barbara Rose da bambino, un’estate di una trentina di anni fa. Eravamo al bagno Costanza di Forte dei Marmi, vengo presentato a questa signora dall’accento strano e dal cappello a tesa larga.

Per me si trattava solo di una delle varie amicizie dei miei: gente fuori dal comune, che ospitavano in estate nella villa in Versilia, dove si parlava di arte e di mostre, di viaggi e di libri.

Anni dopo, nella bibliografia per un esame universitario leggo il suo nome e mi dico: “ma io la conosco”. Vuoi per empatia, o per vicinanza, comincio a leggere i suoi libri. Ma sono troppo giovane e non ci capisco nulla. Mi mancano ancora strumenti e conoscenze.

Nel 2005 ci ritroviamo a Madrid, lei seguiva con la sua dirompente energia e la sua pungente critica tutte le mostre in città. Le chiedo di leggere alcuni miei testi e lei me li smonta, che oggi, a distanza di tre lustri, devo ancora rimontarli.

Poi, eravamo di nuovo assieme a New York, due anni piu’ tardi per l’esposizione di José Manuel Ballester, alla Charles Cowles Gallery e quindi di nuovo a Madrid.

Seguono altri incontri alle Biennali di Venezia e ad altri eventi: continuavamo a parlare degli stessi argomenti di vent’anni prima. Perché con lei e per lei, non si andava mai abbastanza in profondità.

Grazie, Barbara, RIP.

Silvio Saura

Direttore editoriale 
AW ArtMag

 

The Author

Related articles

Related articles not found!

Latest Articles

Most Popular Today

PARTNER