Al calo dei fatturati si contrappongono aggiudicazioni da capogiro: su e giù

29 Marzo 2021
29

In ascesa Hockney, Sherald, Salvo e Afro. Rothko invenduto. Attesi record per Botticelli e Rembrandt

Il calo dei fatturati delle case d’asta è stato mediamente del 60% nel primo semestre 2020 secondo l’analisi condotta da Deloite. Analizzando le recenti acquisizioni, si nota un tasso di invenduto preoccupante; d’altro canto, si registra un leggero rialzo dei prezzi di acquisizione rispetto alle stime. Helen Frankenthaler continua l’ascesa iniziata un paio di anni fa, mentre Andy Warhol, Jean-Michel Basquiat, Gerhard Richter, Donald Judd e George Condo mostrano crescite più timide. Stupisce l’opera di Mark Rothko Untitled (black on maroon, olio su tela del 1958, 182.9 x 114.3 cm) invenduta da Sotheby’s New York stimata circa 30 milioni di dollari, come è altrettanto stupefacente l’aggiudicazione per 3,5 milioni di The Bathers (olio su tela del 2015, 183.2 x 170.2 cm) di Amy Sherald da Phillips New York stimata attorno a 150.000 €. Anche David Hockney segna un nuovo record con Nichols Canyon (acrilico su tela del 1980, 213.4 x 152.4 cm) a 33 milioni di euro. È record anche per un Hans Hartung (olio su tela del 1934, 120 x 87 cm) battuto da Artcurial Parigi per 1.951.500 € con una stima di 1.300.000 – 1.800.000 €.

Per la fotografia, Irving Penn domina la sessione d’asta di Christie’s Parigi con quattro lotti nella top ten; tuttavia la palma d’oro se l’aggiudica Helmut Newton con 400.000 € per Elsa Peretti as a Bunny (1975, 102 x 67 cm). Per gli italiani, Salvo è in rapida crescita, anche Mario Schifano e Afro Basaldella raggiungono aggiudicazioni importanti da Sotheby’s. Il primo (Ossigeno Ossigeno del 1965, smalto su tela, 225 x 150 x 7 cm) aggiudicato a 678.000 € con una stima di 260.000 – 350.000 €, mentre il secondo (Viale delle Acacie del 1958, olio su tela, 80 x 120 cm) aggiudicato a 327.100 € con una stima di 150.000 – 200.000 €. Fari puntati su Ritratto di giovane con medaglione (Giovanni de’ Medici detto “il Popolano”?) tempera su tavola di pioppo (58,4 x 39,4 cm) datata intorno al 1480, probabilmente l’ultimo ritratto rinascimentale di Sandro Botticelli rimasto in mani private. Il dipinto, stimato oltre 80 milioni di dollari, andrà in asta da Sotheby’s New York il 28 gennaio. Ci si aspetta un record tale da porre Botticelli nell’empireo della storia del mercato dell’arte. Unico contraltare è un piccolo olio su tavola (16 x 21 cm) raffigurante Abramo e gli angeli datato 1646, attribuito a Rembrandt e stimato 20-30 milioni di dollari. 

Asteasteaste

 

L'Autore

3 Post

Elena Caverzan è dottoressa in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali a Venezia e sta completando la specializzazione in Storia dell’Arte Contemporanea. Ama la musica classica, l’equitazione, la letteratura russa e i film della Disney. Il suo motto è “se non sei poeta, sii poesia”. PS. Tiene la rubrica “Aste/Auctions” per AW ArtMag.

Articoli Correlati

Articoli Recenti

I più letti di oggi

PARTNER