Sea and Our Sardinia: il video trailer di Daniele Marzeddu

2 Febbraio 2021
134

Sulle tracce di D.H. Lawrence

Qui di seguito le considerazioni dell’autore e l’intervista a Glåsbird, interprete della colonna sonora

Il video-trailer Sea and Our Sardinia, vincitore della mostra internazionale island2islandart.com di Londra (ottobre 2020), segna, in qualche modo, le tappe del viaggio a ritroso nei luoghi e nei tempi che Daniele Marzeddu ha vissuto con tutti e cinque i sensi, fin dai suoi primi ricordi. Alcuni luoghi della Sardegna sono capaci di risvegliare sensi primordiali di cui non siamo a conoscenza o che, forse, sono stati sopiti dalla nostra condizione esistenziale di "Homo Sapiens al cubo".

Racconta Daniele: "Ho sempre avuto e continuo ad avere forti incertezze. Non ero mai sicuro di dove volevo andare, o meglio, ero incuriosito dalla possibilità di poter andare in un dato luogo, ma poi, volendo davvero viaggio, ho preferito evitare di fare progetti e lasciarlo al caso.

Mi occupo di soggetti sardi da oltre 20 anni. Come fotografo ho viaggiato attraverso la Sardegna e la Gran Bretagna scoprendo grandi somiglianze tra le due isole. Vivo sull'isola maggiore da oltre 5 anni e sono stato influenzato da molti dei suoi grandi artisti e scrittori. Stilisticamente, ho adorato il lavoro dei Joy Division come gruppo artistico, così come l'intero movimento post-punk e fotografi come Anton Corbijn e Kevin Cummins. Ho conosciuto la Gran Bretagna anche grazie all'insegnamento di Ken Loach. In Sardegna ci sono molti luoghi "urbex" decadenti, così come punti arcaici con molto in comune con le brughiere britanniche, così come vecchie cave minerarie ".

In questo momento, nonostante le restrizioni sui viaggi in tutta Europa, il team continua a lavorare per la realizzazione del documentario per il centenario di "Sea and Sardinia" di DH Lawrence, un progetto iniziato quasi due anni fa.

Il progetto "Return to Sea and Sardinia" è sostenuto dalla D.H. Lawrence Society of Britain. "Ci stiamo preparando a produrre un film e un libro fotografico che risveglieranno ricordi ed emozioni ispirate dalle parole di Lawrence sull'essenza della Sardegna e della sua gente". Daniele Marzeddu

Condividiamo un'intervista con Glåsbird, interprete della colonna sonora del film-documentario con la casa discografica Whitelabsrec.

Notando che sei ispirato da viaggi immaginari e, soprattutto da viaggi in isole remote, ci vuoi parlare un po' del tuo passato di compositore?
Il mio viaggio nella creazione musicale risale a molti anni fa. Ho iniziato a sperimentare con la musica elettronica. Era un suono rumoroso, musico concreto, mentre scherzavo con registratori portatili, registrazioni sul campo e qualsiasi cosa che producesse un suono. Negli anni ho collezionato molti strumenti e costruito una vasta collezione di librerie di suoni digitali. La mia musica è già stata pubblicata su etichette prima che iniziassi a lavorare con Whitelabrecs nel 2018 e ho deciso di fare qualcosa di completamente nuovo e completamente anonimo. L'idea di completare una serie di album basati sui viaggi mi è appena venuta, il nome dell'artista e tutto il resto sembravano prendere posto un giorno. Anche il mio approccio al fare musica è cambiato completamente perché volevo suonare in modo diverso dal mio nome di artista più famoso. Volevo concentrarmi maggiormente sulla creazione degli stati d'animo emozionanti che si possono sentire nella musica da film. Penso che una cosa importante che è centrale nei progetti di Glåsbird sia tutta la ricerca che faccio sui miei temi. Per un album in un luogo, guarderò film, fotografie e mappe oltre che esplorarlo Google Earth per alcune ore. Cercherò di capire anche la cultura e cercherò di vedere se posso acquistare strumenti acustici economici specifici per la zona. Non credo che visiterò mai questo tipo di posti, quindi creare una colonna sonora è il mio modo per entrare in contatto con questi posti meravigliosi e aiutarli ad avvicinarli a me. Forse può dare vita al fatto che c'è un mondo enorme là fuori, pieno di delicati ecosistemi che vengono danneggiati. In termini di composizione, finora il mio lavoro è stato utilizzato in alcuni documentari e film, nonché in una breve pubblicità. Ma non ho composto qualcosa di nuovo per questi. Quindi il progetto Return to Sea and Sardinia è la mia prima opportunità per farlo.

Cosa hai trovato particolarmente attraente in questo incarico che segue l'eredità di D.H. Lawrence?
Avevo già tanta voglia di comporre da zero la musica per un film, per mettermi alla prova in questo senso. Ma quando Daniele mi ha contattato per la prima volta, il fatto che la composizione si baserà sul ripercorrere un viaggio dalla storia, in un'isola curiosa chiamata Sardegna, sembrava troppo perfetto per rifiutarlo. Trovo che un concetto o un'idea chiara sia davvero importante quando scrivo musica e questo mi dà la passione e l'energia per creare. Inoltre, sono in grado di avvicinarmi in un modo che sembra quasi una parte della serie di "spedizione sonora" in cui sto lavorando. Mentre sono stato in Italia, non so molto della Sardegna, quindi questa è un'opportunità per mettere in moto la mia sete di imparare e sto già facendo buoni progressi nel trascrivere i miei pensieri in musica.

Quanto, secondo te, il lavoro di Ennio Morricone ha segnato un confine nella composizione musicale?
Penso che il limite che Morricone ha impostato sia straordinario. Era così prolifico e ha dedicato tutta la sua vita alla composizione, ma ciò che rende il suo lavoro ancora più impressionante è che sembra essere stato in grado di dedicarsi a qualsiasi cosa. Ogni volta, con nuove idee che sono ancora inconfondibilmente sue. È stato in grado di scrivere colonne sonore per western ed è diventato un suono caratteristico in questo genere cinematografico, era a casa a scrivere musica per la commedia - ma poteva anche produrre composizioni ammalianti o bellissime. Penso che avesse il background di esibirsi e di essere uno studente di musica da cui molti compositori moderni non sempre partono da questi giorni (me compreso). L'ha usato come piattaforma per avere una carriera davvero incredibile che ha coperto così tanto terreno. Per rispondere alla domanda, l'unico limite che ci ha mostrato è che non ci sono confini o limiti a ciò che puoi ottenere.

Come descriveresti i tuoi suoni cinematografici di Mare, Sicilia e Sardegna e qual è la tua percezione di un viaggio immaginario attraverso quelle terre nel 2021?
Daniele e Harry (di Whitelabrecs) hanno proposto il tema della creazione di musica cinematografica, basato su un'immagine scattata vicino alla Sardegna. Mi piace come gli artisti invitati avranno tutti le proprie idee e interpretazioni sullo stesso tema e immagino che questo album sarà una sorta di colonna sonora immaginaria del viaggio intrapreso per arrivare all'inizio del viaggio vero e proprio. Il pezzo che ho creato fa uso del silenzio in alcuni punti, mentre le corde ei tasti del piano si attenuano. Sono più che un po 'influenzato dal compianto Jóhann Jóhannsson, è giusto dirlo e spesso parlava di ciò che accade nello spazio tra le note. Ho usato questi saliscendi in alcuni punti del mio ultimo album Novaya Zemlya, quindi questo mi è sembrato un buon posto da cui riprendere.

Il titolo della traccia è Mare di Lavanda in italiano e prende un termine che Lawrence usava per descrivere il mare mentre si avviava verso la Sardegna. Questa compilation sembra l'inizio di un viaggio emozionante davanti a noi in cui speriamo di creare una bellissima opera d'arte ed è una grande idea cercare di raccogliere un po 'di soldi per sperare che ciò accada. Il mare a volte è più che feroce e le sue dimensioni e l'enormità possono essere molto snervanti. Soprattutto per me che non so nuotare! Spero che parte del dramma della Lavanda di Mare riesca a farlo capire. Lawrence si riferiva a questo particolare tratto di mare come "mare di lavanda", suggerendo anche una speranza, una promessa o una bellezza. Così ho cercato di contrastare la drammaticità del brano con un'amara dolcezza. Ho anche pensato che avrei davvero limitato l'uso dell'elettronica o degli effetti di paesaggio sonoro ambientale in questo pezzo, poiché volevo provare a renderlo più classico, per ripensare al 1921 prima che avessimo sintetizzatori e onde sinusoidali.

Rita Carta Manias

Info:
seaandsardinia.org
dhlawrencesociety.com
whitelabrecs.com
Fundraising
Video trailer: vimeo.com/397029374

L'Autore

Articoli Correlati

Related articles not found!

Articoli Recenti

I più letti di oggi

PARTNER